Print This Page

Chi siamo

 

L’ASSOCIAZIONE MANTOVA MEDIEVALE – LA COMPAGNIA DELLA ROSA A.D. 1403-

Chi siamo

L’Associazione “Mantova Medievale - La Compagnia della Rosa” è un gruppo che ha come oggetto la divulgazione della cultura basso-medievale attraverso la rievocazione storica. L’interesse di tutti gli associati è quello di rievocare la vita medievale, attraverso lo studio diretto delle fonti e la loro prova empirica sul campo mediante l’uso di riproduzioni fedeli degli strumenti dell’epoca. La nostra ricerca, per coerenza e correttezza, si basa su un lasso temporale molto ristretto che va dal 1380 al 1410, più in particolare ricerchiamo di ricostruire la vita civile e militare di una compagnia mercenaria del nord Italia.

Perchè “Compagnia della Rosa”?

La compagnia della Rosa, fu la compagnia mercenaria creata e condotta da Bartolomeo Gonzaga, cugino di Francesco I Gonzaga negli anni a cavallo tra il 1399 e il 1400, per combattere le guerre che il signore di Mantova intraprendeva con i vicini stati. Il nostro nome, quindi, non è scelto a caso, ma è il frutto di ricerche appassionate sulle tradizioni della terra virgiliana.

Cosa facciamo

L’attività principale della associazione è quella di partecipare alle rievocazioni storiche che si svolgono in tutta Italia e per l’Europa. Le rievocazioni storiche sono le occasioni per divulgare tutte le nostre ricerche al pubblico, ma anche il momento in cui tutti noi associati ci ritroviamo e ci confrontiamo sulle ricerche personali. Le attività in rievocazione consistono: nell’accampamento militare con l’allestimento del campo per tutti i membri. Gli armati che combatto, sia corpo a corpo con spade e armature sia a distanza con archi e balestre. I civili e gli artigiani che animano l’accampamento con le loro attività e la loro abilità nel ricreare scene di vita quotidiana. La Compagnia della Rosa, quindi, è una associazione che grazie all’amore dei suoi membri per la storia valorizza gli splendidi luoghi in cui viene chiamata in maniera tale da far riscoprire al pubblico il passato in maniera differente senza che venga falsato dalle visioni cinematografiche o da una visione cattedratica e stantia che spesso la scuola da al medioevo italiano.



ABBIGLIAMENTO DEI MEMBRI DELLA COMPAGNIA DELLA ROSA


I membri durante le manifestazioni storiche indossano abiti e usano strumenti che sono databili tra il 1380 e il 1410 nell’area nord italiana.L’epoca è dominata dal gusto del gotico internazionale e le fonti principali sono gli affreschi, le miniature e i reperti archeologici provenienti dall’area in questione. Si evitano le ricostruzioni di fantasia derivanti da films e non storicamente documentate, i materiali sintetici e i vestiti carnevaleschi. Le repliche di armi e armature seguono la stessa filosofia, ogni pezzo deve essere ben documentato e avere un riscontro nell’area del nord Italia nel primo decennio del XV sec. L’equipaggiamento minimo per poter partecipare alle nostre rievocazioni è il seguente:


Uomini

Camicione, di lino o cotone di trama grezza, colore bianco o naturale. È consigliato averne almeno due.


Mutande/brache, di lino o cotone di trama grezza, colore bianco o naturale, a cui devono essere attaccate le calzabrache.  È consigliato averne almeno due.


Calzabrache divisiate, di lana o panno resistente, il materiale deve essere morbido ma flessibile, colori naturali, con o senza piede. La calzabraca deve essere aderente alla gamba come voleva la moda dell’epoca.


Farsetto, di lana o panno, i colori devono essere naturali. Chiuso da bottoni o stringhe secondo la moda del tempo.


Cappello o infula, di panno o di lana il primo o di lino o cotone grezzo il secondo. Fogge dell’epoca e sempre indossato.


Cappuccio/mantello, sopravveste, di panno o di lana i primi o di lino o cotone grezzo il secondo. Fogge dell’epoca. Per i membri nuovi questi capi non sono ritenuti fondamentali, ma caldamente consigliati dal momento che ci possono essere manifestazioni in climi freddi o nei mesi invernali.


Calzature, di cuoio resistente, comode e di fogge dell’epoca. È permesso applicare alla tomaia di cuoio un tacco di gomma per la sicurezza per la deambulazione sull’asfalto.


Suppellettili, ognuno dovrà avere una cintura di cuoio di foggia adatta, una borsa al fianco e un piccolo coltello. Non è documentato l’uomo “albero di natale” con al fianco svariate suppellettili.

Inoltre è necessario munirsi di un cucchiaio di legno/osso/bronzo, un coltello per mangiare, una ciotola di legno o ceramica e un bicchiere di legno o ceramica. Una pezzuola di lino/cotone per asciugarsi/pulirsi e una piccola sacca di lino per riporre gli oggetti personali moderni.


Donne

Camicione, vale quanto detto per gli uomini.


Abito, di lana di buon spessore e di colori naturali, la stoffa deve permettere un ampio panneggio verso il fondo. Completamente foderato. Può avere maniche staccabili rimovibili in momenti più caldi della giornata o dovendo eseguire lavori pesanti.


Cappello o infula, di panno o di lana il primo o di lino o cotone grezzo il secondo. Fogge dell’epoca e sempre indossato.


Cappuccio/mantello, sopravveste, di panno o di lana i primi o di lino o cotone grezzo il secondo. Fogge dell’epoca. Per i membri nuovi questi capi non sono ritenuti fondamentali, ma caldamente consigliati dal momento che ci possono essere manifestazioni in climi freddi o nei mesi invernali.


Calze, di lana. Non devono essere indossate calze moderne o fatte ai ferri.


Calzature, di cuoio resistente, comode e di fogge dell’epoca. È permesso applicare alla tomaia di cuoio un tacco di gomma per la sicurezza per la deambulazione sull’asfalto.


Suppellettili, ognuno dovrà avere una cintura di cuoio di foggia adatta, una borsa al fianco e un piccolo coltello. Non è documentato l’uomo “albero di natale” con al fianco svariate suppellettili.

Inoltre è necessario munirsi di un cucchiaio di legno/osso/bronzo, un coltello per mangiare, una ciotola di legno o ceramica e un bicchiere di legno o ceramica. Una pezzuola di lino/cotone per asciugarsi/pulirsi e una piccola sacca di lino per riporre gli oggetti personali moderni.


Bambini

Nei primi anni possono indossare semplicemente un camicione bianco, i maschi possono indossare calzebrache. Dai 8-10 anni vestono come gli adulti.


Membri Effettivi

Dopo il primo anno di partecipazione alle attività del gruppo il membro può scegliere di partecipare anche alle attività “armate” e deve munirsi del seguente equipaggiamento in ordine di importanza:


Elmo e sottoelmo imbottito, di un buon acciaio, delle fogge tipiche dell’epoca (celata all’italiana, cappello d’arme).


Protezione per le mani, guanti d’arme a clessidra o a manopola in acciaio delle fogge tipiche dell’epoca


Protezione per il torso, gambeson leggero, successivamente è consigliata una brigantina, una cotta di maglia rivettata, un petto semplice a una falda o tre falde.


Arma da fianco, spada da fante (falcione), mezza spada o spada a stocco. Prima dell’acquisto è necessario tenere un corso di scherma storica presso una qualsiasi palestra che la pratichi.


Arma in asta, tipica dell’epoca


Scudo/pavese, in legno ricoperto di cuoio o lino, con i colori della compagnia.


Surcotta o sopravveste, di lino, con i colori della compagnia.


Arco, di foggia italica, di legno con potenza massima 40lbs


Balestra, con arco in ferro, caricamento a martinetto e con “noce”


Faretra da fianco di legno e cuoio.


Previous page: NEWS
Next page: Attività